Dall'alba dei tempi, sul terzo pianeta del Sistema Solare continua a verificarsi una strana cosa: gli "inquilini" più intelligenti di detto pianeta, chiamati "uomini", credono che esista un essere sovrannaturale chiamato "Dio", che è stato capace di creare addirittura "l'universo" dal "nulla". Ciò significherebbe che "qualcosa" che non è nè "Uno" nè "Zero" avrebbe tratto dal secondo il primo: le cui dimensioni (tanto per renderci conto di cosa stiamo parlando) equivalgono ad un'immensa sfera del raggio di 13 miliardi di anni-luce.
Potremmo parlare di esagerazioni d'onnipotenza, tipiche di specie vincolate ai granelli di sabbia dell'universo in cui vivono: ma sulla Terra non ci si accontenta certo di questo.
Infatti, gli "inquilini" più imbevuti di sapienza divina sanno dirci che questo Essere sia invisibile perchè non può essere precepito tramite i "vili" cinque sensi delle sue creature, in quanto queste ultime sono state create imperfette proprio da lui. L'Onnipotente non poteva crearle perfettamente identiche a lui: non avrebbe avuto senso! Probabilmente, il buon Dio pensava che la "perfezione" della Creazione sarebbe bastata a certificare la Sua esistenza, senza bisogno d'altre testimonanze.

Secondo certi scritti "sacri", dettati da Lui a degli uomini "superiori", la prima coppia umana, creata da Lui col fango "a Sua immagine e somiglianza", trasgredì ai Suoi ordini, macchiandosi di un peccato di disubbidienza che ne ha sancito la mortalità e l'allontanamento dal primordiale "giardino delle delizie" sempre da parte del medesimo essere onnipotente, buonissimo e misericordioso.
Dunque, alle origini ci sarebbe stata un'epoca in cui l'uomo non procreava, non moriva, non lavorava e non soffriva le pene dell'inferno: il destino dell'umanità sarebbe cambiato drasticamente circa sei millenni fa, per colpa di un serpente parlante e di una mela!

Dato che le "creature" sono imperfette e soggette a seguire gli istinti, c'è stato un tempo in cui Dio avrebbe sentito il bisogno d'incarnarsi in un corpo umano e discendere sulla Terra per morire inchiodato su due pezzi di legno incrociati: questo fu il bizzarro modo in cui egli, anzichè con uno schiocco di dita, aveva deciso di purificarle dai peccati scaturiti dalla trasgressione di Eva.
Essendo ben chiaro che le cose non siano certo migliorate, da allora il suddetto "Supremo Essere Invisibile" controlla ininterrottamente le azioni di ciascuno degli attuali sette miliardi d'individui sulla Terra, affinché non abusino del "libero arbitrio" che Egli, nella sua infinita bontà, aveva accordato loro (evidentemente già prima della tentazione di Eva): e dal momento che l'occasione fa l'uomo peccatore, ha imposto l'osservanza di un "decalogo", affinchè le creature righino dritte ed evitino la dannazione eterna.
Ne consegue che le creature dell'Essere Perfettissimo sarebbero imperfette sia per diritto di nascita che per una "macchia" successiva, causa sia di ogni problema nel mondo che — precisano ancora i dotti — dell'attuale invisibilità di Dio: che da quel momento in poi si sarebbe ritirato nei suoi ignoti luoghi, risentito per la troppa confidenza accordata agli ingrati inferiori!

Ragioniamo: dato che la volontà umana non potrà mai scavalcare quella divina, e dato che Dio deve per forza di cose sapere tutto in anticipo, tutto questo caos non potrà essere mai stato originato da una Sua "svista"! L'essere onnisciente e onnipresente può mai distrarsi?
No: sarebbe più "logico" pensare che si tratti di un "piano premeditato", una specie di "gioco" architettato da lui stesso per passare il tempo nell'interminabile eternità!
Dato che uno scenario così contraddittorio renderebbe grottesco un dio "infinitamente buono", i "dotti" sapranno dirci che Egli avrà sicuramente un "altro piano", incomprensibile alle vili creature foggiate a Sua "immagine e somiglianza" sul "migliore dei mondi possibili"!<%pagebreak()%>Aprite gli occhi: non state sognando. Tutto quanto ho illustrato sinora non è frutto di una mostruosa allucinazione collettiva: cose del genere si tramandano come verità assoluta dall'alba dei tempi, spingendoci a pensare che siano nozioni "innate" e tali da celare "qualcosa di assolutamente vero".
L'uomo trova impossibile ammettere che tutte queste fandonie siano state inventate dall'uomo stesso; anzi, tende a negare l'evidenza soprattutto perchè ammetterla significherebbe ammettere d'essere un credulone. Ci accorgiamo che si tratta di cretinate soltanto quando le osserviamo sia nel globale che nel dettaglio, anzichè sorbircele a fotogrammi sparsi, mistificati dalle nebbie fideistiche di chi le predica.

Con quale faccia tosta potremmo ancora continuare a dire che la religione non abbia delle gravi responsabilità già a partire dalla formazione della mentalità del cittadino? Imprechiamo, lodiamo, agiamo, preghiamo in nome di divinità del genere; chiamiamo persone, strade, intere città con nomi di "santi"; manteniamo sacerdoti ed edifici di culto col danaro dei "profani"; portiamo addosso simboli religiosi e facciamo guerre in loro "onore"!
Inconsciamente o meno, la religione è alla base del comportamento umano: ma diventa qualcosa di "trascurabile" quando si tratta d'evitare di prendere atto del fatto che si tratta di favole nocive. Ciò accade anche perché non sempre è facile tracciare seduta stante le basi formative di una data credenza (anche perché si ritiene che quella di Dio sia un'idea "innata"): senza contare il fatto che l'argomento sia antitetico ai piaceri, all'immediatezza delle pulsioni, alle necessità di un'esistenza da cogliere il più interamente possibile prima della Fine. Così, se ne delega il culto a speciali classi di "uomini" che rinunziano a tali "vizi": perlomeno sulla carta.

"Perché mai noi stessi avremmo dovuto creare queste favole?", si chiede l'uomo. Eh, caro mio: i motivi sono tanti, e quello d'utilizzarle come strumento di controllo per gli istinti umani non è fra i primi. O meglio, è piuttosto un effetto. Principalmente, la causa della creazione delle religioni è da ricercarsi nella necessità di dare un senso alla nostra esistenza e di trovare "risposte" alle nostre domande: e quando non riusciamo a trovarle ricorriamo all'Ignoto, all'Inspiegabile, all'Oscuro, e lo personifichiamo per cercare di "alleviare" la nostra ignoranza. In teoria, le paure dovrebbero servire a limitarci, a farci sentire la nostra umanità, a darci un termine di paragone: e si pensa che, senza qualcos'altro di "superiore" sopra di noi, ci crederemmo "onnipotenti". Per questo motivo i "dotti" ridacchiano quando ascoltano "le solite obiezioni", pensando che queste cose siano un "indispensabile" strumento di moderazione interno, al punto che noi stessi dobbiamo illuderci d'essere visitati e premiati o puniti da divinità et similia.

In che modo mai potremmo non vergognarci di fronte all'universo, continuando a credere in cose del genere? Abbiamo messo la società nelle mani di persone che si pavoneggiano delle loro cariche e dei loro titoloni, credendo veridici dei racconti sconclusionati, facendosi scudo della "libertà d'opinione" e dell'appoggio della maggioranza della massa beota, impaurita dal monito vendicativo di un dio iracondo; abbiamo inventato questo spauracchio sovrannaturale per cercare di moderare gli effetti delle illusioni che causano azioni nocive, e paradossalmente, anziché spiegare il perché di quegli effetti, abbiamo opposto a esse un'altra illusione di carattere ammonitivo, un dio "permissivo" che però ti farà del male "a fin di bene", se non seguirai i suoi precetti per conseguire la "retta via"?

Cosa ancora più grave, complici i pregiudizi atavici e la disinformazione pilotata da religiosi e governanti senza scrupoli, la maggioranza degli uomini continua a non capire quale sia la conseguenza di tutto ciò; per questo motivo ritengo che sia d'importanza vincolante per il progresso che la gente venga informata sul motivo per cui Dio non esiste, e su cosa si fondi piuttosto l'idea contraria, prima ancora di parlare delle implicazioni economiche, sociali e politiche del radicamento delle religioni.
Fra tante cause di malessere che assillano l'umanità, la religione è la più efficiente: più della fame, perché è stata ed è la causa principale che provoca la fame; più della guerra, perché è stata ed è la causa principale che provoca le guerre; più dell'ignoranza, perché è stata ed è la causa principale che provoca l'ignoranza. Essa è soltanto una droga temporanea ad uso anestetico locale, fatta per il consumo di molti a vantaggio di pochi, e senza alcuna nota per le controindicazioni.

Non dovremmo più cercare di dimostrare che Dio sia essenzialmente una proiezione umana, bensì iniziare ad archiviarlo, senza che vi sia implicito alcun bisogno di distruggerne la nozione. Questo perché, in fondo, dietro la sua maschera di controllo, esso racchiude idee, tradizioni e funzioni prettamente umane (ed anche questo è un altro motivo per cui essa perdura): più che altro occorrerebbe far capire che la maschera sia tanto inutile quanto fallimentare, senza con ciò distruggere la società che è stata collegata ad essa.
Non c'è nulla di male nell'invocare uno "sparring partner" per aiuto, perdòno o scaricamento di tensioni, dolori e patemi, specialmente se l'invocarelo è un atto automatizzato, poiché sin da piccoli siamo stati abituati a farlo: ma potremmo ancora continuare a farlo, qualora fossimo coscienti d'aver invocato un'illusione "utile"?
Invochiamo un'idea; crediamo che la nostra stessa volontà spinga quest'essere onnipotente a soccorrerci, creandoci sopra delle vicende, delle trame, delle intere mitologie, immaginando divinità creatrici che dovrebbero piegarsi al nostro volere se ne saremo "degni": e ci sentiamo sperduti quando siamo costretti ad ammettere l'evidenza del fatto che non esiste nulla di tutto ciò.

Il sovrannaturale è una questione forse sin troppo locale, al punto da essere simile alle quattro mura di una stanza isolata dal resto di tutto ciò che esiste al di fuori: occorre liberarsene definitivamente, se non vogliamo rimanere ridicoli credendo d'essere seri.
Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione senza previo accordo con l'Autore è proibita.